iten

Badia di Pomaio


  • Dove

    La regione:
    La Provincia:
    Il luogo: Pomaio
    Come arrivare:

    Mappa interattiva sul sito

  • Cosa

    In alto (650 m.), su una splendida collina toscana, questa Badia del 1645 è stata restaurata con amore e trasformata in un relais che accoppia il lusso allo charme. Pavimenti in cotto, sofitti a travi, arredamento particolarmente raffinato. Molto gradevoli il giardino e la grande piscina che si affacciano su un panorama spettacolare
    In più:
    Wine Testing Tours, Cooking Lessons, Shopping Tours e altre attività “tailor made “ su richiesta
  • Da non perdere:

    Casnetino, Valdichiana, Valtiberina, Valdarno


    Vivereverde

    Riserva regionale Alpe della Luna, Badia Tedalda (AR), areeprotette.provincia.arezzo.it. 1500 ettari di territorio disabitato e selvaggio coperto di fitte foreste di quercia e carpino, terra di briganti prima e partigiani poi, impreziosito da torrenti tumultuosi, caverne misteriose, antichi casale diroccati. Deve il suo nome a una leggenda: di notte la luna è così vicina da poter essere toccata. 1 giorno

    Riserva regionale Alta valle del Tevere, Monte Nero, Pieve Santo Stefano (AR), areeprotette.provincia.arezzo.it. Tra la vetta del Monte Nero (1234 m.) in alto e lo spettacolare bacino del Tevere in un tratto incontaminato  in basso, si stendono fitte foreste di faggi secolari, abitate anche da animali rari come il lupo e l’aquila reale. L’uomo è presente solo in minuscoli antichi borghi fortificati come Valsavignone Castellare, Cerignone, e in qualche cascina isolata. 1-2 giorni

    Riserva locale Bosco di Sargiano, Arezzo, areeprotette.provincia.ar.it. Il Convento di Sargiano, alle porte di Arezzo, è un imponente convento francescano d’origine medievale che offre nei suoi cortili tra le antiche mura meravigliosi concerti estivi, con le note che si levano verso il cielo percorso dal volo di tanti rapaci e sullo sondo del grande (10 ettari) bosco secolare di proprietà dei monaci. 1 giorno

    Parco Nazionale Foreste Casentinesi, Pratovecchio (AR), parcoforestecasentinesi.it. 36 mila ettari di Appennino a cavallo tra Toscana ed Emilia, picchi e rocce che svettano su immense foreste millenarie, laghetti e corsi d’acqua incontaminati, animali ormai rari in questa parte d’Italia come il cervo, il capriolo, il daini, il lupo, l’aquila reale. E nella parte toscana ci sono anche i più importanti riferimenti storico-culturali. Nasce qui il fiume più presente della pittura italiana, l’Arno. Sono toscane le grandiose cascate del torrente Acquacheta descritte nell’Inferno di Dante, il poeta che da queste parti, nel monastero di San Benedetto, si rifugiò in fuga da Firenze. E sorgono su questo versante il monastero di Camaldoli, dove nacque nel ‘500 una delle prime tipografie italiane, editrice fra l’altro di una sorta di costituzione per la salvaguardia delle foreste, e il monastero della Verna, dove soggiornò a lungo San Francesco. Itinerari naturalistici e storici sono reperibili nella sede toscana del Parco, a Pratovecchhio. 3-7 giorni

    Riserve statali Formole e Fungaia, Pieve Santo Stefano (AR), corpoforestale.it. In un’area di 250 ettari molto suggestiva, Formole, prati e folti boschi di cerro e roverella, la Forestale ha organizzato l’allevamento dei cavalli avignonesi che usa per le sue ispezioni nei boschi e nelle parate ufficiali. Non lontana è la splendida foresta Fungaia, 110 ettari soprattutto di farnie e roverelle dove abitano caprioli, daini, scoiattoli. 1 giorno per ciascuna zona

    Oasi Wwf Gabbianello, Barberino del Mugello, /FI), wwf.it. Attorno a un lago artificiale creato per l’approvigionamento idrico di Firenze il Wwf protegge foreste e zone umide ricche di uccelli migratori. Nelle vicinanze i castelli medicei del Trebbio e Cafaggiolo, la Villa delle Maschere, la pieve romanica di San Giovanni in Petroio. 1 giorno

    Riserva locale Golene del Tevere, Anghiari e Sansepolcro (AR), comune.anghiari.ar.it. Una diga ha creato da queste parti nel Tevere il curioso fenomeno delle Golene, tratti di riva ciottolosa che la corrente scopre e ricopre in modo capriccioso creando l’ambiente ideale per la sosta degli uccelli acquatici. 1 giorno

    Oasi Wwf Lago Marena, Bibbiena (AR), wwf.it. Un’antica rocca in pietra di proprietà privata trasformata in agriturismo ha ceduto al Wwf una vasta parte del suo bosco intorno a un lago per farne un’oasi. Tra gli alberi vivono caprioli, cinghiali, istrici, e sulle rive del lago sostano splendidi uccelli acquatici. 1 giorno

    Riserva regionale Monti Rognosi, Anghiari (AR), aree.protette.provincia.arezzo.it. Alture dall’aspetto di vere montagne, con rocce scoscese, miniere, pascoli, corsi d’acqua. Microscopico stato indipendente per tutto il Medioevo, con castelli e monasteri di cui restano importanti testimonianze, oggi è una riserva regionale dai paesaggi aspri e suggestivi nei pressi di Anghiari, uno dei borghi storici più affascinanti della Toscana. 1 giorno

    Riserva locale Nucleo di Taxus, Baccata di Pratieghi, Badia Tebalda (AR), prolocobadiatebalda.it. Giganteschi tassi, alberi rari dal legname prezioso e frutti velenosi, in un grande bosco di lecci. E un corso d’acqua di cui nessuno ha mai trovato la sorgente. Un ambiente selvaggio che merita una passeggiata, 1 giorno

    Riserva statale Poggio Rosso, Pieve Santo Stefano (AR), agraria.org. Un bosco di improbabili (per la zona) cipressi dell’Arizona ha comunque creato un luogo spettacolare e abitato da nobili animali nostrani come i caprioli e i daini. Merita una visita, come la vicina Caprese Michelangelo, paese natale dell’artista toscano di cui conserva la casa trecentesca trasformata in museo, assieme a un bel castello. 1 giorno

    Riserva regionale Ponte a Buriano e Lago di Penna, Ponte a Buriano (AR), areeprotette.provincia.arezzo.it. 7 km di passeggiata romantica lungo il corso dell’Arno dal ponte romanico di Buriano fino al lago di Penna, fra boschi e torrenti tumultuosi che alimentano il fiume, scorgendo le tracce di cinghiali e caprioli. 1 giorno

    Riserva regionale Sassi Simone e Simoncello, Sestino (AR), areeprotette.provincia.arezzo.it. Due immense rocce di pietra isolate coperte di boschi e boscaglia al confine tra la Toscana e il Montefeltro, sentinelle naturali non a caso custodi di resti di costruzioni militari medicee. 1 giorno

    Riserva locale Serpentine di Pieve Santo Stefano, Arezzo, areeprotette.provincia.arezzo.it. Un curioso spettacolo offerto dalle striature verdi delle brulle rocce ofiolitiche in contrasto con il verde dei boschi dei dintorni di Pieve Santo Stefano, bella cittadina dai monumenti medievali restaurati dopo le devastazioni della guerra mondiale. 1 giorno

    Riserva regionale Valle dell’Inferno, Laterina (AR), areeprotette.provincia.arezzo.it. Un tratto dell’Arno particolarmente selvaggio che si è scavato la strada tra pareti rocciose altissime prima di sfociare in un bacino dell’Enel attorno al quale si è creata un’interessante area umida. 1 giorno

    Riserva statale Zuccaia, Chiusi della Verna (AR), www.corpoforestale.it. Come a Vallombrosa (vedi), anche il celebre Santuario della Verna dedicato a San Francesco (che qui ricevette le stimmate) deve ai monaci la protezione e dunque la sopravvivenza di un immenso bosco ancora oggi abitato da rari animali selvatici, lupo compreso. 1 giorno

    Scoprire

    Lucignano

    Tipico borgo medievale con vicoli e stradine concentrici che salgono verso la piazza principale e splendidi palazzi comunali. Di fronte c’è una fortezza cinquecentesca

    Castiglion Fiorentino

    D’origine etrusca, oggi ha l’impianto tipico dell’Italia comunale, con chiese e palazzi due-trecenteschi

    Montegonzi

    Microscopico borgo-castello arroccato a dominio delle colline del hianti. Splendido quanto poco conosciuto

    Monterchi

    Famoso per la sua Madonna del Parto, capolavoro di Piero della Francesca, merita una visita anche per il suo centro storico medievale

    Partecipare

    Maggio

    Pozzo della Chiana, spettacolare ricostruzione della tremenda battaglia che aprì a Firenze il 1554  il controllo della Toscana: 350 figuranti in costume e armi, cortei, il palio del bastone (www.scannagallo.com)

    Giugno

    Cortona, “Giostra dell’Archidado”, gara di balestra, cortei in costume  (www.comune.cortona.ar.it)

    Castiglion Fiorentino, “Palio dei Rioni”, corsa di cavalli rappresentanti gli antichi rioni cittadini con cortei e ricostruzioni medievali (comune.castiglionfiorentino.ar.it)

    Luglio

    Laterina, Il Castello si anima tra cortei storici e rievocazioni, tra gli spettacoli di fuoco dei Lux Arcana e de Il Fuoco Fatuo, tra le “giullarie” dei Giullari Fiorentini e il buffone Barabba, tra  rappresentazioni teatrali e i voli dei rapaci dei Falconieri del Re, tra il Mercato Medievale, la Torre Guinigi e il Campo degli Armati (www.laterinamedievale.it)

    Foiano della Chiana, altra grandiosa ricostruzione della battaglia di Scannagallo (vedi Pozzo della Chiana), www.scannagallo.com

    Sestino, “Stregati dalla Luna”, cena e visita notturna al magico Sasso Simone (www.rifugiocasadelre.com)

    Agosto

    Badia Tebalda, “Palio dei Castelli”, dalla “tratta dei Cavalieri” alla fiaccolata liturgica, dagli spettacoli dei giullari e mangiafuoco al vero e proprio torneo della lancia e dell’anello (www.comune.badiatebalda.ar.it)

    Comprare

    Salumi

    Praticino, Castelfranco di Sopra, loc. Praticino, tel.055.9148160

    Il Ghiandaio,Pieve Santo Stefano,  via San Lorenzo 1, tel. 0575.799200, www.ilghiandaio.it

    Formaggi

    De’ Magi, Castiglion Fiorentino, via Tevere 116, tel. 0575.659995, www.demagi.it

    Pane, farine

    Gorfini, Anghiari, loc. San Lorenzo, tel. 328.6486673

    Mostarde

    Il Trebbio, Sansepolcro, fraz. Trebbio, tel. 0575.733973, www.iltrebbio.it

    Dolci

    Vestri, Arezzo, via romana 161, tel. 0575.430108

  • Numeri

    Stanze: 17
    Appartamenti: no
    Posti Letto: 45
    Ristorante: si
    Piscina: si
    Animali ammessi: no
    prezzo (min/max x stanza doppia) € 95/190
  • Scrivono di noi:

    Times
  • Contatti:

    Telefono: Telefono +39.0575.371407 (fax) +39.0575 371409
    E-mail: info@badiadipomaio.it

    Seguici anche su: